Blender, novità 2014

Dal mio ultimo post su Blender è passato un po’ di tempo e molte novità si sono susseguite, novità che sono pronto a scommettere, contribuiranno a rendere Blender un’applicazione sempre più diffusa in ambito professionale. Cominciamo con ordine, per prima cosa parliamo della nuova release. In questi giorni è disponibile per il download la versione 2.7.

Leggi tutto…

Blender – Adidas Soccer balls series, the making of

Nell’ultimo periodo, in maniera alquanto incostante, ho lavorato ad un’immagine che ha per soggetto i modelli delle schede “Soccer balls series” (Jabulani, Starball, Temageist). Questo post è il making of dell’immagine “Adidas – Soccer balls series”. Lavorare all’immagine mi ha aiutato ad approfondire la conoscenza di Blender, è stata l’occasione per scoprire e imparare nuove funzionalità come: il cycles renderer, il node editor, il compositor, i render layers e i render passes. Ho dovuto affrontare e risolvere una serie di problemi sorti a causa dell’impiego di mesh poco dettagliate, imparare un po’ di Illustrator per la creazione delle texture e molto altro ancora, insomma una vera palestra di apprendimento.

Leggi tutto…

Blender 2.64, novità per cycles

Mentre la lavorazione del progetto Mango prosegue come pianificato, gli sviluppatori continuano con il lavoro di ottimizzazione ed estensione di Blender. Alcune delle richieste di miglioramento e modifica provengono direttamente da esigenze di produzione e rispecchiano lo spirito degli “Open Movie” che è quello di migliorare il software e condividere i risultati ottenuti con la community. Interessante ed allettante il piano di sviluppo del motore di rendering cycles, con i prossimi rilasci (2.64, 2.65) é previsto il supporto per motion blur, volumetrics e smoke. Per ottenere questi effetti non ci sarà più bisogno di mixare in compositing gli output prodotti dal motore di rendering interno con quelli di cycles. Altro aggiornamento auspicabile per cycles é il supporto per il rendering di filamenti (hair). In attesa di queste novità potete leggere il post di brecht (il creatore di cycles) direttamente dal blog del progetto Mango.